Sulla rappresentatività di Auditel

Roberta Gisotti
E-mail: robertagisotti(@)hotmail.com

 
 
 

Ricerca base
Tutti i testi
Frase esatta
 
Facebook Roberta gisotti su Facebook
 
RSS
Sulla rappresentatività di Auditel
Da "www.corriere.it" di Carosello70 20/02/2004
Forum TeleVisioni di Aldo Grasso
Gentile Prof. Grasso, prendo spunto dall'intervento di Riccardo Menta sulla rappresentatività di Auditel per qualche breve osservazione. Il tema è scottante e ha generato un acceso dibattito anche all'interno dei professionisti maggiormente interessati ai dati che il sistema sforna ogni giorno, tra i pubblicitari, per esempio. Da più parti sono pervenuti inviti a rivedere il campione Auditel in quanto non più rappresentativo. Alcuni hanno osservato che è impossibile che i programmi televisivi mantengano ancora oggi audience da dieci milioni senza quindi subire alcuna erosione da canali satellitari, DVD, videogiochi e internet. Walter Pancini, direttore generale dell'Auditel continua però a difendere lo strumento a spada tratta e a garantire la qualità dei risultati. Di fatto va riconosciuto che la numerosità del campione Auditel è di una numerosità non riscontrabile in altri paesi e di conseguenza i risultati prodotti si avvicinano all'audience reale con buona approssimazione. Resta da vedere la composizione del campione, ma è ovvio che questo è strutturato sulla base del pubblico che interessa alla televisione. Consiglio sul tema: La favola dell'Auditel, di Roberta Gisotti, 2002 Editori Riuniti. Ma anche lo stesso sito di Auditel. Saluti cari!
 
| | | |
L'articolo è nella sezione: Auditel Blog / Auditel Blog
TV buona dottoressa?  Dalla Tv dei professori alla Tv deficiente. La Rai della seconda Repubblica  La favola dell'Auditel. Parte seconda: fuga dalla prigione di vetro  La Favola dell´Auditel  La nascita della Terza pagina. Letterati e giornalismo 1860-1914 
W3C    |    CSS    |    ASP    |    MySql    |    Site map    |    Privacy    |    Credits