Cara amata odiata Tv: istruzioni per l'uso, può nuocere alla salute, tenere lontano dai bambini

Roberta Gisotti
E-mail: robertagisotti(@)hotmail.com

 
 
 

Ricerca base
Tutti i testi
Frase esatta
 
Facebook Roberta gisotti su Facebook
 
RSS
Cara amata odiata Tv: istruzioni per l'uso, può nuocere alla salute, tenere lontano dai bambini
Roberta Gisotti 27/03/2007
L' Istituto comprensivo di Fontanellato e Fontevivo, i Comuni di Fontevivo e di Fontanellato,le Parrocchie di Fontevivo, Fontanellato e Pontetaro presentano "Conoscere per comprendere, dialogare per prevenire" - Fontanellato 27 marzo 2007
Ringrazio tutti quanti avete promosso questa meritevole iniziativa per parlare tra genitori, tra mamme, papà, nonni alle prese con questo ingombrante elettrodomestico, la Tv questo apparecchio apparentemente innocuo, che abbiamo in casa; e per parlare tra insegnanti che ogni giorno devono fare i conti i classe con quanto trasmette la Tv; e per parlare tra cittadini di Tv, di un Tv sempre più deficiente come titola l'ultimo mio libro, Tv che impera soprattutto nelle fasce di maggiore ascolto, al pomeriggio e alla sera, specie in prima serata quando più alto è il numero i bambini, ragazzi, giovani davanti la Tv.

Tv deficiente che influisce negativamente sulla vita di tutti noi, ma soprattutto su quella dei nostri figli, Tv che può creare nei ragazzi disagi intellettivi e valoriali, difficoltà nell'apprendimento, distorsioni nell'approccio con la realtà esterna, e nei comportamenti personali e sociali, a casa, nel gruppo, a scuola e che talvolta procura gravi danni nello sviluppo psicofisico di bambini e adolescenti che perfino debbono ricorrere alle cure di psicoterapeuti, quando i genitori sono avvertiti, o che altrimenti maturano patologie, devianze, traumi senza che gli adulti ne siamo consapevoli. Sono innumerevoli e si moltiplicano purtroppo i fatti di cronaca che coinvolgono minori, che influenzati dai media commettono atti criminosi o azioni autolesive.

Questa Tv deficiente mortifica poi l'intelligenza dei giovani assimilandoli a modelli ad uso e consumo del marketing, che confeziona per loro emozioni forti a buon mercato, veicola trasgressioni e perversioni ammantate di ordinaria normalità, che possono segnare un'intera esistenza; Tv deficiente che affligge pure gli anziani, spesso li deprime, sovente li mette in ansia, li fa sentire fuori gioco!

Di questa Tv deficiente dobbiamo prendere atto e preoccuparci più di quanto non abbiamo fatto finora, e dobbiamo contrastarla come cittadini-utenti, soprattutto come genitori, insegnanti, educatori, a vario titolo responsabili della crescita dei nostri figli, nipoti, alunni, ragazzi affidati alle nostre cure.
Non possiamo ignorare che la Tv a tutt'oggi resta il principale mezzo di comunicazione di massa, che per definizione forgia l'opinione pubblica, forma le nostre opinioni, il nostro sentire sociale, orienta i nostri stili di vita, le nostre tendenze al consumo, le nostre scelte politiche, culturali, religiose.

Dobbiamo capire che la Televisione generalista ci influenza comunque anche se non la vediamo, o l'accendiamo raramente perchè siamo emigrati sui canali tematici satellitari, ci influenza perchè i suoi contenuti travasano in tutti gli altri media e si propagano e si amplificano attraverso giornali, radio, pubblicità, spettacolo, moda, e decidono i nostri comportamenti, come ci vestiamo, parliamo, gesticoliamo, mangiamo, interpretiamo la realtà, tanto che anche la politica e l'informazione si sono progressivamente spettacolarizzate per compiacere la Tv, una Tv che divenuta deficiente ha reso cosi sovente deficiente anche la politica e l'informazione.

E, dobbiamo invece credere in una Televisione migliore di quella che abbiamo oggi, una Televisione per tutti, che torni a svolgere il ruolo sociale, che le compete di informare, divertire, formare i cittadini, dando priorità agli spettatori più piccoli, piuttosto che avvilire il pubblico con programmi che offendono l'intelligenza di grandi e piccini, programmi infarciti di idiozie, volgarità, turpiloqui, degrado e bassezze umane, violenze, propinati ad ogni ora anche durante le cosiddette fasce protette pomeridiane, programmi di cronaca morbosa e vojeristica, dove il gossip televisivo è diventato un genere, che ha contaminato anche l'informazione e la politica come abbiamo appena detto e lo vediamo negli scandali che si susseguono nella vita pubblica del nostro Paese, negli intrecci tra personaggi dello spettacolo, dello sport, della politica, dell'informazione uniti da storie di soldi, di droga, di sesso e di potere.

Una Tv per chi l'accende che soprattutto - ripeto - diseduca o peggio turba i bambini ed intristisce gli anziani - perchè sono rimasti soprattutto loro a vedere la Tv in casa - una Tv che demotiva i giovani, perchè non dà valori e ideali in cui credere, ne dà speranze, nè dà voglia di cambiamento, di contestare magari il sistema, di proporre il nuovo, che sono atteggiamenti tipici del ricambio generazionale, vitale per una società democratica.

Una Tv virtuale sempre più estranea al Paese reale, ma che si afferma come Paese reale, e ci convince tutti quanti che quello è il Paese reale, corrotto, violento, immorale, maleducato, sregolato, ignorante, deficiente e in qualche modo ci conforma a quel Paese.

Ecco lo scorso mese dopo la presentazione del libro ero ospite nel programma di Rai Tre "Cominciamo bene", dove si parlava di questa 'cattiva' televisione. E gli spettatori interpellati a casa via telefono ed internet hanno risposto al 97 per cento - pensate un risultato clamoroso - hanno risposto "sì questa televisione ci scandalizza". Tanto che io ho ribattuto: "questa è la riprova che i dati Auditel sono inaffidabili tanto più quando diamo ai famosi picchi d'ascolto il valore di consenso, e magari a casa il pubblico esclama : 'ma che schifo'! Però poi si va a riproporre quel personaggio, quell'argomento, quel linguaggio che hanno registrato il picco d'ascolto.

Ed ancora sono stata ospite in quei giorni nel programma "Italia sul Due" e li si parlava di Gossip e si chiedeva al pubblico se ce n'è troppo. E la gente per strada ha risposto sì, rimpiangendo la Tv del passato.

Ora sarebbe anacronistico parlare di Tv del passato - che oggi nei libri di comunicazione viene chiamata paleotelevisione - una Tv, quella italiana che negli anni del monopolio Rai è stata forse insieme alla Bbc la migliore Televisione del mondo. Una Televisione che ha formato l'unità del Paese alla fine degli anni '50, un Italia che si affacciava alla modernità, dove moltissimi erano ancora gli analfabeti e moltissimi quelli che parlavano solo il dialetto. Una Televisione che a noi bambini, poi ragazzi e giovani di allora, ma a tutti quanti, ha aperto le porte sul mondo, ci ha fatto conoscere popoli, culture, storie di Paesi vicini e lontani, ci ha fatto amare il cinema internazionale, ci ha mostrato il teatro italiano ed estero, e cosi pure il ballo moderno e contemporaneo e la danza classica, ci ha fatto ascoltare musica di tutti i generi, ci ha informato con inchieste giornalistiche coraggiose ed originali e reportage d'attualità e documentari di storia, ci ha divertito in mille modi, anche con la pubblicità del mitico Carosello, che era un capolavoro sotto ogni aspetto; in realtà noi siamo la vera generazione televisiva, quella che ha una memoria televisiva che ci accomuna tutti.

Facciamo ora un salto in avanti e arriviamo alla fine degli anni '70, alla nascita della neotelevisione con l'avvento delle emittenti private, ed il sogno di liberalizzare l'etere. Si pensava allora di dare vita a tante Tv per sprigionare nuove energie nella comunicazione televisiva soprattutto a livello locale, per portare alla luce le istanze emergenti sul territorio in un'Italia cresciuta, più matura, pronta a maggior confronto e stimoli sul piano politico, sociale, culturale, religioso; ecco questo sogno s'infrange ben presto con l'affermarsi sul mercato di un unico soggetto di Tv commerciale assolutamente dominante già all'inizio degli anni '80, che porterà al regime del duopolio televisivo: pubblico (Rai) /privato (Fininvest poi Mediaset), dove il polo privato anzi il monopolio privato s'impone in assenza di ogni normativa, e poi negli anni verrà consolidato da una serie di leggi ad hoc, che legittimeranno questa anomalia tutta italiana. Anomalia che segnerà il declino progressivo della Televisione, assimilando la Tv pubblica in tutto e per tutto a quell'unico modello di Tv commerciale, e che in assenza di vera concorrenza ha veicolato nel polo pubblico e privato la stessa Tv deficiente.

Noi tutti spettatori con l'avvento della neotelevisione siamo diventati una merce di scambio, ma non siamo protetti rispetto ad altri settore del commercio, dove il consumatore può contare su leggi e normative che ne tutelano salute e sicurezza.

Si perchè tutta la produzione televisiva oggi - ci piaccia o no - ruota intorno al concetto consumo, e trova il suo punto di forza nell'Auditel, ovvero in quel sistema di rilevamento degli ascolti televisivi, che ha codificato un cambiamento epocale nel modo di intendere la comunicazione televisiva finalizzata unicamente a vendere fette di pubblico, teste di spettatori, al mercato pubblicitario.

Ed i consumatori più appetibili sono proprio i bambini, i ragazzi, i giovani perchè sono più portati a spendere, a ricercare soddisfazione nell'acquisto, perchè sono più condizionabili dalle mode, dalle tendenze, più desiderosi di identificarsi con il gruppo e con le idee dominanti ed anche più soggetti perchè inesperti ad essere manipolati culturalmente, socialmente, politicamente.

Tutto questo sfugge al controllo democratico, perchè parlando di bambini, adolescenti, giovani mette fuori uso tutte le agenzie educative, deputate a formare la personalità fisica e psichica dei ragazzi: famiglia, scuola, parrocchia, associazioni sportive e ricreative...

Che fare di fronte a modelli negativi propagati nelle nostre case attraverso la Tv, addomesticati nell'indifferenza sociale, sdoganati senza controllo di alcuna di quelle agenzie educative?

Qui la mia provocazione, come anticipa il titolo di questo Incontro: esigiamo che su ogni apparecchio televisivo sia apposto un cartello con su scritto "Attenzione può nuocere alla salute, tenere lontano dalla portata dei bambini"; e che sia allegato all'apparecchio TV un libretto con le istruzioni tecniche sì, ma anche con le modalità d'uso, le controindicazioni e gli effetti collaterali.

Se infatti la tv oggi è una merce da vendere per un ritorno pubblicitario in termini economici, allora dobbiamo pretendere tutte le garanzie per la salute fisica e mentale dei consumatori, al pari di ogni altro prodotto immesso sul mercato.

Questa Tv di mercato, già disdicevole nei suoi obiettivi, si basa per misurare il consenso su un sistema l'Auditel che in realtà è del tutto inaffidabile sul piano scientifico, si serve di un campione rimasto segreto da 20 anni, che può rispecchiare solo il 10 per cento non della popolazione italiana ma dei consumatori....... ); un sistema che fa riferimento a comportamenti umani assolutamente variabili e condizionabili, un sistema distorsivo per il modo in cui elabora i dati..........; un sistema fuorviante per l'uso che se ne fa nelle redazioni dei programmi e sempre più anche dei telegiornali.......

In realtà l'Auditel è frutto di un Patto che ha permesso di blindare il duopolio, impedendo la nascita di altri poli, privando l'emittenza privata di finanziamenti, e tagliando fuori gli spettatori dalla Tv, che non hanno alcuna voce in capitolo. E qui vi rimando alla lettura del mio libro "La favola dell'Auditel", una favola per sfornare dati di ascolto che servono solo a spartire la torta degli investimenti pubblicitari tra la Rai e Mediaset, che fanno solo finta ogni giorno di farsi la guerra, accreditandosi oltre il 90 per cento degli ascolti totali e accaparrandosi quasi il 95 per cento delle entrate pubblicitarie.

Che fare? Io credo fermamente che si debba ripartire rilanciando la più grande azienda culturale del Paese, la nostra Tv pubblica. Un rilancio che è fallito all'epoca dei professori all'inizio della Seconda Repubblica quando era stato malamente progettato sulle ceneri di Tangentopoli, rilancio a tutt'oggi disatteso dai Cda della destra e della sinistra, rilancio che oggi non possiamo mancare, tanto è importante la Televisione nella vita di tutti noi.

Per questo ho scritto il libro "Dalla Tv dei professori alla Tv deficiente per richiamare la responsabilità delle forze politiche e di tutta la società civile, anzitutto proprio i genitori che più subiscono la Tv deficiente sulla pelle dei loro figli. E questo, a supporto del dibattito che si appena aperto in Parlamento e fuori sul nuovo Disegno di Legge del ministro Gentiloni e soprattutto del dibattito sulle linee guida appena presentate dallo stesso ministro per riformare la Rai.

Entrando nei contenuti del libro, il libro racconta anche in modo divertente - se l'argomento non fosse tragico - la malagestione della Rai di questi ultimi 15 anni che hanno visto il vorticoso succedersi di eventi che sfuggono anche a chi li ha vissuti in prima persona, pensate che in 15 anni si sono avuti............

Ma come si è arrivati alla Tv deficiente?

Passando dalla lottizzazione partitica della Prima Repubblica, che rispondeva comunque a dei criteri di spartizione, all'occupazione totale anche dei luoghi fisici totale da parte della Politica e della Pubblicità, con la P maiuscola che sta per Potere, veicolo di interessi economici-finanziari, che sono trasversali all'intero arco parlamentare. Politica e Pubblicità che hanno sopraffatto la Televisione, l'hanno asservita ai loro interessi, e nel caso della Rai, hanno svuotato di significato la missione propria di Servizio pubblico.

La Tv deficiente non è un caso, non è una calamità naturale, ma è piuttosto un progetto, un progetto che arriva da lontano..... ( piano Rinascita P 2) e che ha avuto infine lo scopo di abbassare il livello socioculturale del Paese, e in ultima istanza la consapevolezza dei cittadini di essere depositari di diritti, anche in ambito di comunicazione televisiva, non solo nella televisione pubblica ma anche privata e commerciale, che pure devono rispondere al Paese di quali effetti producono nella società.

Come liberarsi della Tv deficiente?
Anzitutto superando il duopolio della Tv generalista Rai-Mediaset, che è all'origine di tutti i mali, duopolio incentrato sull'Auditel.

Occorre allora superare un'impostazione assurda che vede soppesare allo stesso modo il polo pubblico che appartiene a tutti i cittadini e siamo 57 milioni di persone, ed il polo privato che appartiene ad un solo cittadino, unico caso al mondo, cittadino, che ricopre anche un ruolo di leader nella vita politica del Paese, e quindi, partecipa anche del Polo pubblico. Naturalmente non si tratta di un discorso politico-ideologico perchè lo stesso discorso andrebbe fatto se quell'unico cittadino portasse il nome di un leader dello schieramento opposto.
C'è inoltre da segnalare un altro monopolio anch'esso da superare quello della Tv satellitare nelle mani di un altro magnate della comunicazione australiano, che oggi vorrebbe sostituirsi alla Tv di Servizio pubblico..... ma a pagamento!!

Riassumendo occorre superare il duopolio, risolvere il conflitto d'interesse, dotare la Tv di sistemi di rilevamento quantitativi credibili sul piano scientifico e trasparenti nella gestione e ma anche di sistemi qualitativi, che più debbono contare per orientare la produzione dei programmi, solo così si potrà liberare la Rai dallo strapotere della Politica e della Pubblicità, che oggi sono padrone assolute della Tv e restituirla ai cittadini.

E dobbiamo fare questa battaglia anzitutto in difesa dei minori: sono circa 9 milioni e mezzo i bambini e i ragazzi sotto i 18 anni, piccoli cittadini, grandi consumatori, una moltitudine senza voce, che subisce in silenzio traumi e abusi, guardando la Tv - ho detto all'inizio questo elettrodomestico apparentemente innocuo - che è la principale imputata tra i media di violazioni ai diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.
Una ricerca di due anni fa ha documentato - e purtroppo le cose non sono migliorate anzi - ha documentato che ogni 5 minuti - sugli schermi televisivi - si ascoltano urla e insulti, ogni 9 minacce, ogni 21 parolacce, ogni 7 si vedono armi, ogni 11 atti violenti, ogni 15 scene di guerra, ogni 18 si assiste a ferimenti, ogni 20 a esplosioni, ogni 35 a omicidi. Questo va in onda sulle Reti nazionali ogni giorno. Gli abusi non risparmiano le cosiddette fasce protette, dalle 16 alle 19, quando i bambini dai 4 ai 14 anni davanti alla Tv sono circa 1 milione, ma sono meno della metà di quelli in prima serata, che sono quasi 2 milioni e mezzo; ce ne sono poi oltre mezzo milione tra le 22.30 e le 2 di notte; e a nulla valgono i famosi 'bollinì e 'farfalline' che segnalano i programmi per adulti, perchè quasi la metà dei bambini dai 7 ai 14 anni hanno la Tv in camera, e molti sono indotti proprio dai divieti a guardare i programmi 'proibitì.

In cima alla lista 'nera', sono film, telefilm e fiction; a seguire i reality e i people show ma anche programmi di varietà e d'intrattenimento familiare e perfino programmi per ragazzi e giovani, trasmissioni d'informazione, costume e satira e telegiornali; sotto accusa pure diverse pubblicità; infine film porno e trasmissioni hard nelle emittenti locali ma anche nel pacchetto base di Sky Tv.

Principali imputazioni: violenza, sesso, volgarità, turpiloquio, blasfemia, morbosità, scabrosità, voyeurismo, violazione della privacy, ma anche confusione tra recita e realtà, proposta di modelli negativi e incitamento a comportamenti lesivi, spettacolarizzazione e banalizzazione dei sentimenti, sfruttamento dell'immagine femminile, presenza inopportuna di minori.

Da almeno 20 anni in Italia disponiamo di accurati studi e ricerche compilati da esperti massmediologi, sociologi, psicologi, psichiatri, pediatri, che hanno portato prove sugli effetti negativi della Tv sui minori e lanciato allarmi. Si organizzano Convegni e Seminari, si riuniscono Comitati e Commissioni, si consultano Codici e Carte deontologiche, poi la polemica smonta e tutto resta o torna come prima. Famiglie e genitori riuniti in associazioni e movimenti denunciano. Ma non basta occorre far salire la protesta in qualità e quantità dei cittadini, condizionare i politici alla ricerca di voti e consensi, organizzarsi meglio, riunire le forze i campo, prendere visibilità sui media, adottare forme di boicottaggio, e soprattutto difendersi educando i bambini e i ragazzi - in famiglia e a scuola - ad un uso ragionato, critico dei media, e per fare ciò bisogna fare crescere gli adulti spettatori, perchè siano avvertiti di quanto la Tv conta!

Se non acquistiamo questa consapevolezza, a nulla valgono Leggi, Codici e Carte per difendere i minori. Dal dopoguerra ad oggi - ho fatto una ricerca - ed ho contato 27 di testi che sulla carta tutelano l'infanzia nei media, dalla Costituzione dello Stato fino alla Legge Gasparri del 2004. E la lista si allunga con le normative comunitarie, con atti parlamentari e vari rimandi di altre legislazioni.
In tutti questi testi l'enunciazione dei diritti del minore si ripete, si aggiorna e si perfeziona ma col passare degli anni appare sempre più estraniata dal reale contesto dei Media, dove al contrario la dimensione dell'infanzia e dell'adolescenza appare sempre più marginale, se non quando viene evidenziata nelle sue manifestazioni patologiche o strumentalizzata a fini commerciali, per affermare tendenze o ricercare consenso tra i giovani.

Paradossalmente si è arrivati a negare il diritto di 'esistere' per i minori nei media, cui è proibito praticamente tutto sulla carta, per poi lasciare che il tutto sommerga comunque bambini e ragazzi, ad ogni istante. Si favoleggia di un mondo adulto dedicato a promuovere il benessere e il corretto sviluppo fisico, psichico e morale dei più giovani, e si assiste indifferenti alla schizzofrenia educativa cui sono sottoposti i ragazzi, che a casa, a scuola, in parrocchia, al centro sportivo ascoltano genitori, insegnanti, catechisti, allenatori argomentare su principi 'medievalì di comportamento sociale e morale rispetto al mondo dei Media che li circonda e che impone loro di adeguarsi pena l'esclusione dal gruppo e l'isolamento psicologico.

Allora a che servono Comitati, Commissioni, Osservatori, Consigli, Consulte, Giurì e Autorità istituite per controllare il rispetto di Leggi Codici, Carte sui diritti dei minori nei Media? Anche qui ho fatto una ricerca e ne ho trovati ben 18 di questi enti livello nazionale, nei settori Tv, Radio, Giornali, Internet Pubblicità. Un esercito di 450 esperti arruolati tra psichiatri, psicologi, sociologi, pediatri, pedagoghi, educatori, magistrati, avvocati, giornalisti, docenti di comunicazione, critici cinematografici e televisivi, sacerdoti, rappresentanti di utenti e consumatori, di associazioni familiari, esponenti della stampa, della televisione, della case di produzione cinematografica, dei server provider di Internet....
Ma è un esercito di 'perdentì se ogni giorno l'infanzia viene 'tradita' dai Media, ignorata o danneggiata, come denunciano gli stessi rapporti di tutti questi organismi, di cui l'opinione pubblica ignora - in massima parte - perfino l'esistenza e nessuno reclama lo scioglimento di tante Istanze, che a nulla servono - allo stato attuale - se non a coprire l'incapacità dello Stato di assolvere ad un compito primario previsto dalla Costituzione: proteggere l'infanzia e la gioventù, anche dallo strapotere dei Media.
Ma non possiamo accettare questa sconfitta ed allora quello che vi chiedo è di fare ognuno la vostra parte, di spettatori critici, di genitori responsabili, di insegnanti avvertiti, e anzitutto dobbiamo fare nostre tutte queste Carte e Codici, e pretendere che tanti Comitati, Commissioni rendano conto del loro lavoro o si sciolgano o si dimettano gli esperti che se non sono capaci di svolgere il compito loro assegnato, e chiedere ai politici che eleggiamo e stipendiamo noi di dare priorità all'infanzia.
E per lasciarci con un impegno concreto ho portato una sorta di memorandum con vari indirizzi e modalità per far sentire la nostra voce, la voce dei nostri bambini.
Grazie davvero per avermi ascoltato con la speranza di non avervi annoiato!!
 
| | | |
TV buona dottoressa?  Dalla Tv dei professori alla Tv deficiente. La Rai della seconda Repubblica  La favola dell'Auditel. Parte seconda: fuga dalla prigione di vetro  La Favola dell´Auditel  La nascita della Terza pagina. Letterati e giornalismo 1860-1914 
W3C    |    CSS    |    ASP    |    MySql    |    Site map    |    Privacy    |    Credits